CambiaVento si ferma (almeno per un po’)

Cari associati, sostenitori, simpatizzanti, innanzitutto buon Anno!!! Non finiremo mai di ringraziarvi per averci sostenuto in tutti questi anni passati insieme. Dobbiamo darvi ora, però, una comunicazione dolorosa. Quest’anno abbiamo deciso di iniziare prendendoci una pausa da tutte le iniziative, sia di formazione che di informazione/sensibilizzazione; è una scelta sofferta ma che riteniamo in questo momento necessaria. CambiaVento si ferma, almeno per un po’. Speriamo di tornare quanto prima, insieme a voi.

Aiutare significa farsi aiutare

Ormai sono molti anni che cerco di aiutare le persone nella mia professione di psicoterapeuta
e con il passare del tempo oltre a contare i (pochi) sopravvissuti della mia sempre più grigia e
brulla capigliatura inizio a riflettere su quella che è stata la mia esperienza clinica e non quella
appresa da libri di testo.
Quando ero ancora studente universitario mi avvicinai come volontario al mondo della
psichiatria nel centro di salute mentale di Cesena ed ebbi la fortuna di conoscere non solo i
ragazzi seguiti dalla struttura ma anche i loro caregiver. Mi accorsi subito che queste famiglie
tendevano a rinunciavano a tutto, ai loro interessi, allo svago, alla socializzazione, alla
sessualità, a se stessi, tutto per essere adeguati e sostenere con il loro sacrificio la crescita di
loro figlio.
Giovane laureato ebbi modo di conoscere il mondo dell’Alzheimer e mi accorsi che la rinuncia
a se stessi era questa volta attuata dai coniugi scampati alla demenza che offrivano tutto
quello che avevano per proteggere e restare vicini ai loro mariti e mogli, anche i figli molto
spesso destinavano il loro tempo libero all’aiuto mettendo in crisi il loro lavoro e la loro vita
coniugale.
Ormai avviato nel mio lavoro entrai in stretto contatto con lo spettro autistico e nuovamente
osservai genitori splendidi che ponevano la maggior parte delle loro risorse di vita,
economiche e sociali nel cercar di offrire le migliori opportunità di un futuro di inclusione per
loro figlio.
Generosità ed abnegazione di tutte queste persone sono stati dei fari che mi hanno permesso
di ricordarmi con umiltà che alla fine gli eroi non sono medici, pompieri, soldati, infermieri,
bensì quegli attori silenziosi che sono guidati solo dall’amore incondizionato e non dal ruolo
lavorativo o da benefici economici. Rinunciano al loro presente e futuro nella speranza di
proteggere il loro amato da un male entrato come meteora nelle loro vite.
Eppure, c’è un “Ma”. Per quanto io provi spontanea ammirazione e mi sia trovato commosso
nell’osservare queste scene, come professionista venivo sempre interpellato dai genitori per
aiutare “il malato”, mi veniva chiesto come lo si poteva incoraggiare, come gestire la sua
emotività, come essere più efficaci nel ruolo di tutori e nel tempo molti di questi caregiver
come fiammelle si consumavano di fronte ai miei occhi finendo, ahimè, per essere parti del
problema e non più risorse.
Aiutare qualcuno non significa annullarsi, amare non significa perdersi, proteggere non
rappresenta ignorarsi. La psicoterapia è un momento di riflessione, di sfogo, di riformulazione
di pensieri e di strategie. È un momento di cura personale, un luogo dove si può vivere il
dolore, la rabbia, la speranza, la progettualità, la pratica, il cambiamento.
Non cura la schizofrenia o l’autismo del figlio, ne toglierà la demenza della madre ma donerà
un momento personale di comunione con la propria parte ferita e vitale rigenerando le proprie
energie.
Chi ritiene che entrare in un percorso di introspezione sia banalmente dirsi tante parole
probabilmente non ha mai intrapreso una psicoterapia o ha trovato un professionista non
giusto per lui.
Per poter offrire da bere dobbiamo avere una bottiglia colma, aiutare significa sempre farsi
aiutare.

Francesco Baldinini – Psicologo e Psicoterapeuta

Baby Shapes & Colors

App con 12 livelli, per conoscere forme e colori attraverso gli oggetti più disparati. Ogni gioco porta il bambino a scoprire un mondo pieno di colori e figure geometriche. Adatto per bambini piccoli o in età prescolare.

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.edujoy.Baby.Shapes.Colors&hl=en_US&gl=US&pli=1

Siblings

Amore, dolore, rabbia, preoccupazione, ansia, sono tutte emozioni familiari per un sibling, ovvero
per il fratello o la sorella di una persona con disabilità. Un genitore per quanto possa sperimentare
un senso di impotenza nel cercare di colmare le lacune di un sistema non sempre all’altezza nel
tutelare chi vive una condizione di svantaggio, può perlomeno sentirsi sempre “sul campo”.
I siblings no, prima da bambini poi da adolescenti possono solo progredire nella loro vita, senza la
possibilità di agire in un’ottica di soluzione contattando sempre più nitidamente le proprie paure
interiori.
Un grande dilemma dei genitori è quasi sempre il “dopo di noi” ovvero cosa succederà al figlio
quando al termine della loro vita non ci saranno più per poterlo tutelare.
Per i siblings la disabilità è invece una realtà che si costruisce nel tempo, costellato di tante
domande:
· Cosa succederà a mio fratello crescendo?
· Dovrò occuparmene io? Nella mia casa?
· Chi provvederà ai suoi aspetti economici, di spostamento, medici?
· Ce la farà con la sua disabilità a trovare un lavoro o una indipendenza?
· Troverò mai un amore che accetti anche la presenza di mio fratello?
· Potrò desiderare di avere dei figli?
· Come potrei reagire se anche mio figlio nascesse con una disabilità?
Sono solo esempi, innumerevoli sono i pensieri che si affollano nella mente di un siblings.
Vi è un sottile senso di solitudine anche quando tutto procede serenamente, perché in fondo lo sai
che prima o poi toccherà a te provvedere a lui. E nemmeno troppo celato fra queste
preoccupazioni ed ansie vi è un amore profondissimo che difficilmente può essere spiegato a chi
non vive la condizione di siblings Un legame addirittura più profondo, seppur sempre ambivalente
dell’affetto normalmente sperimentato tra fratelli e sorelle senza problemi di salute.
Cambiavento è stato e resterà un luogo di incontro per i siblings, perché in fondo la solitudine
diventa più lieve quando le proprie emozioni hanno un luogo dove esprimersi.
Francesco Baldinini – Psicologo e Psicoterapeuta

I terapisti privati possono entrare a scuola? Sì!!!

Quello dell’ingresso dei terapisti privati a scuola è un argomento tanto chiaro sul piano giuridico quanto confuso su quello pratico. Una delle argomentazioni più diffuse, tra chi ritiene di non dover permettere l’accesso a scuola a figure di riferimento così importanti, è la presunta “privacy” violata degli altri studenti. Nell’articolo in allegato il professor Flavio Fogarolo (per chi ancora non lo conosce, uno tra i maggiori esperti nazionali in tema di inclusione) spiega in maniera chiara la questione. Buona lettura!

https://www.normativainclusione.it/faq/ingresso-di-terapisti-in-classe-chiesto-dalla-famiglia/

La didattica speciale (e non) e le nuove tecnologie

Martedì 11 ottobre, dalle 20:30 alle 22:00 sulla piattaforma Zoom, quinto appuntamento del “Ciclo di incontri Cambiavento-BCC 2022”. Verranno illustrate dal dott. Massimiliano Paglione alcune delle straordinarie risorse, a carattere principalmente ma non esclusivamente didattico, che i nuovi strumenti tecnologici offrono. L’incontro è gratuito per tutti i soci dell’anno 2022. Vi aspettiamo!

Guida al nuovo anno scolastico 2022/2023 – un aiuto per scuole e famiglie

In questi giorni è disponibile online “Avvio nuovo anno scolastico 2022/2023 – promemoria” dedicato sia al mondo della scuola che delle famiglie. Il documento, in vista dell’imminente avvio del nuovo anno scolastico, è un valido supporto a beneficio di tutti gli alunni e le alunne con disabilità .

Il Promemoria è stato proposto e realizzato a cura della Consulta su Inclusione scolastica di Anffas Nazionale e si inserisce nel solco delle azioni divulgative e informative portate avanti da Anffas nel corso degli ultimi anni su tale importante tema attraverso guide, vademecum e pillole informative finalizzate a offrire supporto a tutte le persone con disabilità e loro famiglie nonché a tutti coloro che, a vario titolo, sono chiamati a garantire la “buona inclusione scolastica” nei modi e nei termini previsti dalla normativa vigente.

Per maggiori informazioni sulla Guida – completamente sfogliabile, scaricabile e stampabile – è possibile consultare la news sul sito al seguente link:

http://www.anffas.net/it/news/17196/promemoria-avvio-nuovo-anno-scolastico-2022-2023-a-cura-della-consulta-inclusione-scolastica-di-anffas/

Parallelamente alla guida, è possibile usufruire anche di pillole informative sul tema dell’inclusione scolastica, reperibili al seguente link:

http://www.anffas.net/it/news/17197/pillole-informative-anffas-avvio-anno-scolastico-20222023-per-alunni-con-disabilita/

Inoltre, il prossimo 14 settembre, dalle ore 17 alle ore 19, avrà luogo un incontro libero dedicato alle famiglie e a tutti coloro che volessero approfondire l’argomento, che sarà quindi una importante occasione per rispondere a domande o confrontarsi su eventuali dubbi.
Per partecipare al webinar è possibile cliccare qui:

https://us02web.zoom.us/j/83743059073?pwd=clVnU2JrQ08xS24wTklqZmt2RXpmdz09#success

Partecipate numerosi!

We Sport Day – 24/09/2022

Un evento multisport accessibile a tutti, con l’obiettivo di coinvolgere coloro che credono nell’importanza della pratica sportiva anche e soprattutto come momento di aggregazione. Organizzata dalla Polisportiva ANFASS di Cesena, è un’esperienza dedicata a chi vuole, e non a chi può, per un accesso reale e sostenibile allo sport. Non mancate, vogliamo essere tanti in questa giornata!

Corso ABA di base – 2022

Il corso di 18 ore è rivolto a genitori, educatori, insegnanti e altri professionisti che vogliano approfondire i principi e le procedure di base dell’Analisi del Comportamento Applicata (ABA) e acquisire strumenti pratici derivati da tale scienza per promuovere lo sviluppo della comunicazione, l’insegnamento di comportamenti socialmente significativi e la riduzione di comportamenti problematici.

Temi trattati:
  • Diagnosi nello spettro autistico: caratteristiche principali del quadro clinico secondo il sistema di classificazione internazionale DSM
  • I principi di base dell’ABA: definizione ABA, definizione di comportamento, uso del rinforzo, punizione, estinzione come possibili strumenti di insegnamento.
  • La gestione dei comportamenti problema: programmazione di un intervento di gestione del comportamento problema a partire dall’analisi della funzione.
  • La comunicazione alternativa aumentativa: insegnamento della richiesta tramite un sistema di comunicazione vocale, segnante o PECS.
  • L’insegnamento durante il gioco e in ambiente naturale: come e cosa insegnare in contesto naturale.
  • L’insegnamento in ambiente strutturato: come e cosa insegnare in un contesto strutturato.
  • L’impatto emotivo dei Disturbi dello Spettro Autistico per le famiglie e gli operatori sociali, sanitari e scolastici.

Date e orari

  • Sabato 15 ottobre: ore 14.00-19.00.
  • Sabato 22 ottobre: ore 08.30-17.30.
  • Domenica 23 ottobre: ore 8.30-13.30.

 

Iscrizione e modalità di pagamento del corso

200 euro + 15 euro (tessera associativa)

Il pagamento del corso deve avvenire necessariamente tramite bonifico bancario, mentre la quota associativa (per chi non fosse ancora socio 2022) potrà essere saldata attraverso la normale procedura online (andando sul sito www.associazionecambiavento.it e seguendo le istruzioni alla pagina “Associati ora”) oppure in contanti il primo giorno del corso.

Per ritenersi iscritti è pertanto necessario:

  • aver compilato il modulo di iscrizione al link:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSeNIJhUmddf78o9YFnrdLdR7AfoZYLWuWqnru_Iq9PBd6B2pg/viewform?vc=0&c=0&w=1&flr=0

  • aver versato la quota di iscrizione, pari a 200 euro. Di seguito le coordinate bancarie per effettuare il bonifico (chiediamo gentilmente di inviare poi la ricevuta dell’avvenuto pagamento al nostro indirizzo mail associazione.cambiavento@gmail.com):

ASSOCIAZIONE “CAMBIAVENTO”

Banca di Credito Cooperativo ravennate forlivese e imolese

IBAN: IT02Y0854213203000000298355

indicando nella causale la seguente dicitura: “NOME e COGNOME + Corso ABA di base 2022″

 

Docenti

Dott. Baldinini Francesco, Psicologo – Psicoterapeuta

Dott.ssa Mariani Beatrice, Psicologa – Analista del Comportamento BCBA

Dott. Paglione Massimiliano, Psicologo- Psicoterapeuta – Analista del Comportamento BCBA

Dott.ssa Zoli Valeria, Psicologa – Analista del Comportamento BCBA

 

Sede

Le lezioni si svolgeranno presso la sala convegni (gentilmente offerta dal quartiere Oltresavio) sita in piazza Anna Magnani 1 – Cesena.

Saranno ottemperate tutte le misure sanitarie necessarie, secondo le disposizioni di legge vigenti al momento del Corso.

Qualora le limitazioni imposte non consentissero di svolgere la formazione in presenza, il corso si svolgerà in modalità online nelle medesime giornate e orari.

 

Scadenza per le iscrizioni

La scadenza per le iscrizioni è fissata per lunedì 10 ottobre 2022.

Il corso sarà attivato al raggiungimento di un numero minimo di iscritti; la quota d’iscrizione, qualora non fosse possibile procedere con l’attivazione del corso, verrà naturalmente restituita agli iscritti, tramite bonifico bancario.

Inclusione scolastica… a che punto siamo?

Silvia Casali, presidente di “Voce all’autismo”, illustrerà le nuove normative scolastiche relative all’inclusione, spiegherà la complessa burocrazia riguardante gli alunni certificati e risponderà alle domande dei presenti. L’incontro è aperto a tutti gli associati per l’anno 2022.